Assegno di Nucleo Familiare

19 Ottobre 2017

È un assegno, concesso in via esclusiva dai comuni e pagato dall’INPS, rivolto alle famiglie che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati.

Il Comune provvede, tramite l’INPS, all’erogazione di assegni a famiglie con almeno tre figli minori a carico, che risultino. La domanda può essere presentata da uno dei genitori, cittadino italiano o comunitario.

Requisiti di accesso

  • nuclei familiari residenti composti almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente, del coniuge o ricevuti in affido preadottivo;
  • avere un reddito I.S.E.E. non superiore alle soglie determinate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia – e pubblicate annualmente sulla gazzetta ufficiale;

Contributi previsti

L’assegno al nucleo familiare, il cui importo mensile è annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, viene erogato per tredici mensilità.

L’assegno decorre dal 1° gennaio dell’anno in cui si verificano le condizioni prescritte, salvo che il requisito rappresentato dalla presenza di almeno tre figli minori si sia verificato successivamente. In quest’ultimo caso decorre dal primo giorno del mese in cui il requisito è stato soddisfatto.

Modalità di richiesta

La domanda va presentata al comune secondo il modulo domanda predisposto dal Servizio Sociale.

Documentazione da allegare all’istanza

Attestazione ISEE in corso di validità relativa alla situazione economica del nucleo familiare.

Presentazione domande

La domanda va presentata al comune entro il termine perentorio del 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’Assegno al Nucleo Familiare

Normativa di riferimento

L. 448/98 art. 65

Allegati